Claire Gallery: Men in suits (Lana Del Rey)

L’articolo di oggi è sulla mia ultima tavola Men in Suits (Lana Del Rey)! No, non è una canzone di Lana o una sua frase/citazione di una qualche sua lyric… ma scoprirete di più nel post.
Buona lettura.

Annunci

Lana&SuitManColorJPGBuon giorno!

Anche oggi propongo un’altra tavola.
Anticipo che dopo questa settimana non ci saranno per un po’ le tavole della Handover, con cui comunque ho ancora qualche piccolo lavoro in corso, ma lo vedrete più avanti.
La Lunatic Jewel, di cui scrissi un articolo in merito alla nostra collaborazione, QUI trovate il post a riguardo, fa di nuovo capolino all’orizzonte; aspettatevi nuove alleanze artistiche e d’artigianato.

Veniamo a noi, presento quest’oggi “Men in suits (Lana Del Rey)”.
No, non è una canzone di Lana o una sua frase/citazione di una qualche sua lyric – anche se sono proprio loro che mi hanno ispirata mentre disegnavo e le ascoltavo – ma più il frutto della mia passione, innanzitutto per lei, poi per il look vintage e retrò che è anche sottolineato dalla composizione che ricorda lo stile tattoo e sopra ogni altra cosa, la mia sfrenata attrazione/passione per l’uomo in giacca e cravatta o meglio chiamato completo.
Ebbene sì, non bastava la mia sapiosessualità conclamata – e non so nemmeno se a riguardo avessi fatto questo outing in questa sede – ma dovevo anche palesare una mia ‘completosessualità’.
Non c’è nulla di comparabile in eleganza, carisma e magnetismo, come l’uomo – ed a volte anche la donna quando lo veste, ma questo va a seconda dei gusti – che indossa l’afrodisiaca combinazione di camicia, cravatta e giacca che va a completare il capolavoro che è per gli occhi di chi guarda. È estasi – ok, sì, mi sto immedesimando troppo… ma chi nutre la mia stessa ossessione e esaltazione per questo tipo d’abbigliamento, può sicuramente capirmi – .
Per farvi comprendere quanto io sia invasata con questo mio pallino del completo, posto la foto-link della pubblicità dell’auto Kia Soul Hamster, penso di tre anni fa, con come protagonisti tre criceti che si mettono in forma e si fanno belli per una serata di una qualche prima.
Alla fine dello spot, anche se criceti, la fisicità umana del completo fa comunque impazzire!

kia-tux-hed-2013
Link Spot

Tornando al tema principale – lo eravamo ancora in tema, ma stavo monopolizzando lo spazio per la mia ossessione per il suit –  tutto quello che trasuda lo stile sofisticato e di pura finezza veicolato dalle canzoni di Lana Del Rey, dalle sue descrizioni di uomini altrettanto sofisticati, anche se spesso c’è la sotto intesa dipendenza della donna per l’uomo tipica dei vecchi tempi andati, ad esempio post guerra ed anni 50, lei ne riesce a trovare il lato estremamente sensuale, anche se per i tempi e le teste d’oggi non sarebbero dei modelli corretti da seguire.

7b0bfcb9550df184dda6154c57906eae
Esempi da seguire: Tom Hiddleston

Diciamo che la figura maschile nei testi di Lana – soprattutto i primi – a volte è il vecchio stampo d’uomo, una specie d’attrazione ad esser succube, dove lui è tutto il suo mondo – molto bella e romantica come fantasia, ma dipende dai punti di vista e dalle situazioni – e solo negli ultimi album-pezzi tutto questo aspetto appare meno evidente, si è meno dipendente nel rapportarsi con l’altro sesso. Basti pensare a Brooklyn Baby dove canta che “il suo ragazzo non è cool come lo è lei” oppure in High  By The Beach afferma di “non aver bisogno del denaro di lui per avere ciò che desidera”.
È un bel cambio di prospettiva rispetto al primo album in cui la figura maschile era osannata nonostante le sue parti poco salutari e un po’ negative classiche dell’uomo affascinate, tormentato e malsano per te stessa.
Aggiungerei che la cosa assurda è che nonostante tu, ragazza o donna del nuovo millennio, tu sappia che quel concetto non è del tutto indicato, ne rimani attratta perché Lana  tira fuori la parte patinata di esso; quella parte veramente potente del femminile che viene nascosto da un pesante potere tutto al maschile. Sebbene sei trasportato dall’idea romantica dell’immagine in sé della donna splendida, ingioiellata e fine, dall’uomo dalla figura avvolta spigolosamente sensuale del completo, sei consapevole che tutto questo è cambiato. Sei consapevole che la femminilità può esistere anche nel vigore e che la bilancia ora pende  leggermente (a volte ancora non del tutto) da entrambe le parti. La donna può esser potente quanto un uomo e che un uomo acquista ancora più fascino se la sua galanteria scaturisce da vero rispetto ed ammirazione, più che da un galateo di facciata simile ad un iter da seguire per un corteggiamento da mettere a segno.

Nel mio immaginario quel uomo in completo è il sostegno non solo della vita pratico/materiale per una persona, ma un sostegno emotivo, comprensivo, splendidamente uomo senza dover dimostrare di esserlo o di imporlo, ma lo è con la sua sola mascolina presenza fisica e nei modi schiettamente giusti ed eleganti. Se vi lasciate andare a questa visione e ci mettete su una giacca e cravatta, che dite? Non avete i brividi e gli occhi che brillano? – no, non è influenza – .
Ed ecco che così è nata la tavola Men in suits e Lana è la bellissima donna che trasforma in meglio l’uomo che è con lei, ne migliora l’immagine e si sa, che al fianco di un grande uomo c’è una gran donna.

Per ultimo aggiungo che in  Piece of Claire su Live Heroes trovate a disposizione l’illustrazione sugli articoli in vendita nel brand shop, qui sopra potete vedere i modelli di una crop top ed una cover per Iphone.

Per cui mi auguro che facciate buoni acquisti, che il lavoro vi sia piaciuto e ci risentiamo al consueto articolo del fine settimana con l’ultima illustrazione da presentare per Handover  F&C su http://www.teabiscuitblog.wordpress.com.

Buon proseguimento di settimana

Claire

Autore: Claire Piece

La mia idea è quella di tornare ad approcciare ai metodi più manuali per l’arte. Credo che le nuove tecnologie possano essere un ottimo supporto per le arti visive, ma penso anche che stiano spegnendo la creatività e in molti ambiti, non solo quelli artistici. Su questa base creo dal vivo ciò che disegno, l'handmade, che non perde mai il suo valore. Credo che l’unicità di qualcosa sia nel non essere uguale ad un’altra. I miei sono Piece of Claire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...