Moxy Hotel – Talenthouse Contest

Ed eccoci! Altro articolo, altro contest.
Talenthouse ci sa fare, non solo perché offre buoni premi, ma soprattutto perché è sempre una buona opportunità per partecipare a concorsi con grandi nomi che fanno da giudici.

Moxy Contest Socials part 1Oggi propongo, sia per la gallery, sia per il piacere di condividere il lavoro svolto, la tavola disegnata per questo contest che è stato fin dall’inizio un bel problema. Ovvero, le dimensioni di presentazione-caricamento del file e la poca chiarezza nel brief del concorso; ma di quest’ultimo punto ne parlerò più avanti.

Nel regolamento del contest a tutti gli artisti veniva richiesto di rappresentare una versione pop art, colorata, dinamica e irriverente della città di New York e che rimandasse alle caratteristiche tipiche del Moxy Hotel che si trova in essa. Tutto questo disegnato ed elaborato su una superficie di 36 metri per 5 metri da stampare su pannelli che sarebbero stati esposti sulla facciata dell’hotel a New York.

Come potete vedere dalle due anteprime, questo è il mio lavoro e di seguito aggiungo anche la didascalia di presentazione dell’opera.

The Venus birth at Moxy

Modern birth of new present renaissance.The cultures mixed with a timeless beauty and a colorful power of transgression.Painted skin, bright lights, funny style, joined together as one thing.The Moxy style.

Traduzione
“Moderna venuta al mondo di un nuovo rinascimento. Le culture mescolate ad una bellezza senza tempo ed al potere colorato della trasgressione. Pelle dipinta, luci brillanti, stile divertente, uniti insieme in una cosa sola. Lo stile Moxy.”
Claire Piece
Moxy Contest Socials part 2Unire elementi diversi che rimandassero all’occhio un buon impatto visivo – dato che in caso di vincita il lavoro sarebbe potuto esser esibito pubblicamente a Time Square – è stata la parte più bella, terrificante e difficile. Per la maggior parte del tempo in cui realizzavo l’illustrazione mi ripetevo: “è assurdo! è assurdo!” L’assurdità stava nel fatto di anche solo idealizzare la tua opera esposta in un così vasto bacino d’utenza con una città come New York. Ma parte della professione creativa, vive e si nutre come di una linfa vitale della visualizzazione.
Ed anche se questa visualizzazione non è diventata reale, vi rimando sempre al messaggio di cui vi ho parlato nell’articolo della tavola “Power of Love”. Vincere non è il punto di arrivo e i fallimenti che troviamo prima della vittoria sono la strada per arrivare a quello che diventeremo – ripetere anche questo come un mantra quando vi sentirete giù –.
Essendo cosciente del fatto che ci potesse essere la possibilità di finire su un enorme pannello con vista su New York, diciamo che i tempi d’attesa del responso del contest sono stati un  tira e molla di: “Come sarà andato?” e poi “non ci pensare e lascia che vada come deve andare!”
Così finalmente il 20 giugno sono arrivati i risultati. E qui passiamo alla parte polemica, non tanto la mia, quanto di alcuni partecipanti che non hanno gradito la scelta dei giudici del vincitore. Per quanto riguarda me, l’ho presa sportivamente, non amo fare la ‘rosicona’, è praticamente come ammettere che non ho altro da offrire se non rabbia, invece di reagire e pensare di far meglio la volta dopo. Su un’unica cosa sono stata d’accordo nel polemizzare questa vittoria; il semplicissimo fatto che non l’opera vincitrice in sé fosse non idonea al contest, ma che mancava di alcuni elementi descritti nel brief del concorso. Ed ancora si è lamentata spesso la poca comprensione di alcuni elementi che componevano la descrizione stessa del brief. Dove magari alcuni hann capito una cosa e poi magari se ne avrebbero dovuta fare un’altra.

485-Seventh-Avenue Anteprima
Proiezione del lavoro in caso di realizzazione del pannello.

Diciamo che alla fine di tutto, la giuria a deciso di andare a “sensazioni”, più che unire a queste tutti gli elementi a cui gli artisti, per far un buon lavoro, si erano attenuti proprio per andare in contro a quello che la giuria stessa diceva di voler rappresentato nell’opera finale-vincitrice. C’è stata una contraddittorietà che ha indignato alcuni artisti partecipanti e se devo dir la verità, è la prima volta che mi capita una cosa simile. Di solito c’è molta più accettazione e comprensione di quel che è stato scelto dalla giuria, ma questa è la prima esperienza di mal contento con essa.

Ad ogni modo, come ho anticipato poco fa, non sarà questo a demoralizzarmi – anche perché umanamente è normale esserlo un po’, ma poi caduti a terra ci si rialza e si ricomincia – e continuerò provando a fare meglio e a migliorare. Non è mai troppo tardi per nulla, l’importante è fare, poi quel che deve arriverà.
E a voi? È mai capitato di partecipare ad una qualsiasi competizione, di aver perso e aver visto episodi di lamentela? Come l’avete presa?
Aspetto i vostri commenti in risposta.

Nel frattempo condividetemi pure sui vostri social, seguite i miei di social – giochi di social parole – e iscrivetevi alla newsletter.

Al prossimo articolo

Claire Piece

Moxy Hotels Commercial from BMSC on Vimeo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...